Уважаемый посетитель! Вы используете устаревший браузер, чтобы страница работала правильно, рекомендуется использовать современный браузер.

RU

© Company Name, 2013

La fabbrica Giannico è situata nella città italiana di Ventimiglia. Questo posto è famoso non solo tra gli italiani! La città si trova al confine con la Francia, ed è molto popolare anche tra i francesi. Ogni venerdì con il treno da Nizza ci arrivano molte persone che vogliono fare lo shopping al famoso mercato del Venerdì. Il fatto è che una volta alla settimana a Ventimiglia è possibile acquistare le borse in pelle delle migliori marche. Costano molto meno rispetto ai negozi ufficiali, ma non hanno assolutamente nessuna differenza. Gli abitanti del posto dicono che al mercato di Ventimiglia si possono incontrare anche personaggi famosi.

IT

Ventimiglia

All rights reserved

Sono passati tanti anni dalla fondazione dell'azienda, ma Gianni Bianco e tutti gli artigiani della fabbrica Giannico continuano a lavorare proprio così come insegnava il fondatore Gustavo Bianco - producono con diligenza e coscienziosità ogni singolo prodotto.

Dopo la morte di suo padre, Gianni Bianco, insieme a suo fratello, continua il suo mestiere. Con il supporto degli artigiani dalla vasta esperienza e con l’entusiasmo che era proprio anche del loro padre, i ragazzi aumentano il numero degli ordini e crescono a livello internazionale. Da quel momento inizia una nuova fase nella storia della fabbrica Giannico. Fu allora che, tra i materiali impiegati nella produzione, apparvero tipi di pelle rari e speciali come il coccodrillo, la razza e molti altri. Grazie a questo la fabbrica è diventata famosa come l'azienda che garantisce l'alta qualità dei suoi prodotti e l’ampia varietà dei materiali impiegati.

LA NOSTRA STORIA

EN

La storia della fabbrica Giannico inizia negli anni del dopoguerra, quando nella piccola città di Ventimiglia in Italia un artigiano del cuoio da più generazioni Gustavo Bianco apre la sua piccola officina. Nel 1977 a causa di un aumento dei volumi di produzione della fabbrica, suo figlio Gianni decide di lasciare gli studi all'Università e di dedicarsi al mestiere che suo padre svolgeva fin da quando Gianni era ancora molto piccolo, cioè all'industria del cuoio.

All'inizio